Ricomincio da qui Community RAI 2

Società e Comunicazione
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 POESIE IN DIALETTO

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
cremisi
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 1473
Data d'iscrizione : 01.05.08

MessaggioTitolo: POESIE IN DIALETTO   7/5/2008, 10:59

La Giustizia
Tra le quattro vertù ch’er monno spera
ch’averiano d’avé li cardinali
ce sta dipinta la Giustizia vera
come l’hanno da fa li tribunali.

Tiè in mano uno spadone e ‘na stadera:
carca un agnello sutto li stivali:
e stà bennata có ‘na benna nera,
quann’io pé me je metterìa l’occhiali.

Ma come, cristo!, ha da trovà la strada,
cusì orba la povera Giustizia,
de contà l’oncia e de calà la spada?

Come pò vede mai si la malizia
de li curiali je dà grano o biada,
e s’è zucchero-d’orzo o regolizzia?
G. G. Belli


Buona giornata
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giovanni
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 3217
Data d'iscrizione : 30.04.08
Età : 48
Località : casa mia

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   7/5/2008, 15:57

Magna' e dormi'

So' du' vizietti, me diceva nonno,
che mai nessuno te li pò leva',
perché so' necessari pe' campa'
sin dar momento che venimo ar monno.

Er primo vizio provoca er seconno:
er sonno mette fame e fa magna',
doppo magnato t'aripija sonno
poi t'arzi, magni e torni a riposa'.

Insomma, la magnata e la dormita,
massimamente in una certa età,
so' l'uniche du' gioje de la vita.

La sola differenza è questa qui:
che pure si ciài sonno pòi magna',
ma si ciài fame mica pòi dormì.

Aldo Fabrizi

_________________
Che Dio vi benedica. Giovanni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://rai-community.forumattivo.com
cremisi
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 1473
Data d'iscrizione : 01.05.08

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   7/5/2008, 16:15

Che carina ... non la conoscevo ....
No
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giovanni
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 3217
Data d'iscrizione : 30.04.08
Età : 48
Località : casa mia

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   7/5/2008, 16:51

cremisi ha scritto:
Che carina ... non la conoscevo ....
No

Si anche a me piace molto.
questa non so di chi sia... bella anche questa.

Cin cin
Ce vo' er bicchiere suo per il bon vino
er calice dev'esse un po' abbombato
er gambo lungo lungo e affusolato
si voi gustà Barolo o Montarcino.

Lo devi addondolà giusto 'n pochino
perchè er suo gusto venga spriggionato
e er naso senta prima der palato
quer maggico sapore sopraffino

E doppo carni rosse e de maiale,
sugo de lepre p'accondì li gnocchi
e li salumi : da sentisse male.

Brindo alla Luna, che ce sta a guardà,
la stessa che riflette drento l'occhi
de chi nun tiene er pane da magna.

_________________
Che Dio vi benedica. Giovanni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://rai-community.forumattivo.com
cremisi
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 1473
Data d'iscrizione : 01.05.08

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   7/5/2008, 21:32

Non mi piace Benigni, ma l'ho trovato dolcissimo
in questa sua poesia che ha dedicato a Massimo Troisi ...


Non so cosa teneva "dint'a capa",
intelligente, generoso, scaltro,
per lui non vale il detto che è del Papa,
morto un Troisi non se ne fa un altro.
Morto Troisi muore la segreta
arte di quella dolce tarantella,
ciò che Moravia disse del Poeta
io lo ridico per un Pulcinella.
La gioia di bagnarsi in quel diluvio
di "jamm, o' saccio, ‘naggia, oilloc, azz!"
era come parlare col Vesuvio, era come ascoltare del buon Jazz.
"Non si capisce", urlavano sicuri,
"questo Troisi se ne resti al Sud!"
Adesso lo capiscono i canguri,
gli Indiani e i miliardari di Holliwood!
Con lui ho capito tutta la bellezza
di Napoli, la gente, il suo destino,
e non m'ha mai parlato della pizza,
e non m'ha mai suonato il mandolino.
O Massimino io ti tengo in serbo
fra ciò che il mondo dona di più caro,
ha fatto più miracoli il tuo verbo
di quello dell'amato San Gennaro


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giovanni
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 3217
Data d'iscrizione : 30.04.08
Età : 48
Località : casa mia

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   8/5/2008, 22:27

Per me Benigni è simpatico molti dei suoi film mi sono piaciuti, bella la poesia che hai messo. Smile

LA "ROMANELLA"

Mì nonna, benedetta indó riposa,
se comportava come 'na formica
e puro si avanzava 'na mollica
l'utilizzava per un'antra cosa.

Perciò er dovere primo d'ogni sposa,
pure che costa un'oncia de fatica,
è d'esse sempre, a la maniera antica,
risparmiatrice, pratica e ingegnosa.

Si avanza un po' de pasta, mai buttalla:
se sarta co' un po' d'acqua solamente,
pe' falla abbruscolì senz'abbrucialla.

E la riuscita de 'sta Romanella
che fa faville e che nun costa gnente
dipenne da 'na semplice padella.


Aldo Fabrizi

_________________
Che Dio vi benedica. Giovanni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://rai-community.forumattivo.com
cremisi
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 1473
Data d'iscrizione : 01.05.08

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   27/5/2008, 16:37

C'è un'Ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se ne va...
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.

TRILUSSA

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giovanni
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 3217
Data d'iscrizione : 30.04.08
Età : 48
Località : casa mia

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   31/5/2008, 20:41

ER CONFESSORE

Padre... -- Dite il confiteor. -- L'ho detto. --
L'atto di contrizione? -- Già l'ho ffatto. --
Avanti dunque. -- Ho detto cazzo-matto
A mi' marito, e j'ho arzato un grossetto. --

Poi? -- Pe una pila che me róppe er gatto
Je disse for de me: "Si' maledetto";
E è cratura de Dio! -- C'e altro? -- Tratto
Un giuvenotto, e ce sò ita a letto. --

E lì cosa è successo? -- Un po' de tutto.--
Cioè? Sempre, m'immagino, pel dritto. --
Puro a riverzo... -- Oh che peccato brutto!

Dunque, in causa di questo giovanotto,
Tornate, figlia, con cuore trafitto,
Domani, a casa mia, verso le otto.


G.G Belli



_________________
Che Dio vi benedica. Giovanni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://rai-community.forumattivo.com
Giovanni
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 3217
Data d'iscrizione : 30.04.08
Età : 48
Località : casa mia

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   10/6/2008, 18:42

QUESTA NON POTEVA MANCARE cheers

'A livella


Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fa' chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con i fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza

St'anno m'è capitata 'n'avventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna), si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema 'e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d' 'a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L'11 MAGGIO DEL '31."

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
... sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce steva n'ata tomba piccerella
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, solamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena si liggeva:
"ESPOSITO GENNARO NETTURBINO".
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'Ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pure all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i' rummanette 'chiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje; stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato ... dormo, o è fantasia?

Ate che' fantasia; era 'o Marchese:
c' 'o tubbo, 'a caramella e c' 'o pastrano;
chill'ato appriesso' a isso un brutto arnese:
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'o muorto puveriello... 'o scupatore.
'Int' a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se retireno a chest'ora?

Putevano stà 'a me quase 'nu palmo,
quando 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e, tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono un blasonato?!

La casta e casta e va, si, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i' nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie b stata a ffa' sta fessaria,
i' che putevo fa' si ero muorto'?

Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse,
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa."

"E cosa aspetti, oh turpe macreato,
che 1'ira mia raggiunga 1'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei gih dato piglio alla violenza!"

"Famne vedé... piglia sta violenza...
'A verità, Marché', mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so' mazzate!...

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuò capì, ca simmo eguale?...
... Morto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'n'ato è tale e qquale."

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?"

"Tu qua' Natale ... Pasca e Ppifania!!
f T' 'o vvuo' mettere 'ncapo... 'int' 'a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched'e".... e una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt' 'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme
tu nun t'he fatto ancora chistu cunto?

Percio, stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!"



_________________
Che Dio vi benedica. Giovanni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://rai-community.forumattivo.com
Giovanni
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 3217
Data d'iscrizione : 30.04.08
Età : 48
Località : casa mia

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   28/6/2008, 04:48

ER VOTO

Senti st'antra. A Ssan Pietro e Marcellino
Ce stanno certe moniche befane,
C'aveveno pe voto er contentino
De maggnà ttutto-quanto co le mane.

Vedi si una forchetta e un cucchiarino,
Si un cortelluccio pe ttajacce er pane,
Abbi da offenne Iddio! N'antro tantino
Leccaveno cor muso com'er cane!

Pio Ottavo però, bona-momoria,
Che vedde una matina quer porcaro,
Je disse: "Madre, e che vò dì sta storia?

Sete state avvezzate ar monnezzaro?!
Che voto! un cazzo. A dio pò dasse groria
Puro co la forchetta e cor cucchiaro".


G.G.BELLI

_________________
Che Dio vi benedica. Giovanni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://rai-community.forumattivo.com
cremisi
Moderatore
Moderatore
avatar

Messaggi : 1473
Data d'iscrizione : 01.05.08

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   28/6/2008, 19:51

E' sempre un piacere leggerle ...
sono talmente musicali e così diverse dalle poesie in prosa
che a volte non danno emozioni ...
grazie giovanni


bounce
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Giovanni
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 3217
Data d'iscrizione : 30.04.08
Età : 48
Località : casa mia

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   29/6/2008, 21:44

cremisi ha scritto:
E' sempre un piacere leggerle ...
sono talmente musicali e così diverse dalle poesie in prosa
che a volte non danno emozioni ...
grazie giovanni


bounce

Belle Smile mentre le leggi scorrono una meraviglia
cheers

_________________
Che Dio vi benedica. Giovanni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://rai-community.forumattivo.com
Giovanni
Admin
Admin
avatar

Messaggi : 3217
Data d'iscrizione : 30.04.08
Età : 48
Località : casa mia

MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   11/7/2008, 23:59

Giorgio Gallo

--------------------------------------------------------------------------------
MAI SOLI

--------------------------------------------------------------------------------

'Na notte camminavo in riva ar mare
avenno pe' compagno er Padreterno.
Me venne allor, cosi', de constatare
che sulla sabbia, proprio nell'interno,

lassavamio du' file de pedate,
una la mia, l'antra der Signore
che, in parallelo, marciaveno affiancate.
E non sto qui a esprime lo stupore

de vede, inder fratanto, sceneggiata
lassu' ner ciel tutta la vita mia;
un firme, ar quale s'era accompagnata
viva realta' e tanta fantasia.

Ma a un certo punto (e cio' me fece rabbia)
notai lungo er sentiero de la vita
arterasse le orme su la sabbia;
'na serie de pedate era sparita.

E rilevai la strana coincidenza
coi momenti piu' tristi e dolorosi
ch'aveveno segnato l'esistenza:
sicuramente i piu' pericolosi.

Allor me ribbellai ar Padreterno:
"'na vorta me facesti 'na promessa
ch'avresti camminato in sempiterno
affianco a me; e mo', come vanessa,

hai preso er volo, nun me sostieni piu';
proprio quanno er bisogno e' piu' impellente,
proprio quanno nun conta quer che fu
ma quello ch'abbisogna ner presente.

E allor Gesu', guardannome de ghiaccio,
"perche' te piagni addosso, fijo mio?
Nun hai notato che t'ho preso 'n braccio
tutte le vorte ch'hai chiamato Dio?"

--------------------------------------------------------------------------------

_________________
Che Dio vi benedica. Giovanni.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://rai-community.forumattivo.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: POESIE IN DIALETTO   

Tornare in alto Andare in basso
 
POESIE IN DIALETTO
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Ricomincio da qui Community RAI 2 :: Il mondo degli hobbies delle passioni e del divertimento :: Gocce di poesia...-
Andare verso: